Plantare su misura

Il vantaggio dei nostri plantari su misura è il materiale di fabbricazione, ovvero in RESINA, in CARBONIO o in E.V.A.

Questo comporta :
Lunga durata anche con attività quotidiane intense: lavoro in piedi, camminare molto, sport, scarpe antiinfortunistiche etc
Spessore: Molto sottili ed adatto a molti tipi di scarpe ed esigenze
Possibilità di modifiche durante il tempo come correzioni o aggiunta di materiali.

Nel momento in cui il medico di seguito ad una visita consiglia un plantare su misura senza dare indicazioni più precise siamo proiettati in un mondo sconfinato di possibilità: Ortopedie, farmacie, laboratori che fabbricano ortesi standard senza capire veramente che il plantare è un dispositivo medico fabbricato su misura e che richiede, a seconda del caso specifico, diverse procedure di costruzione. Non potrà mai essere uguale per tutti, perché diverse sono le problematiche le caratteristiche e le necessità del paziente.

Quindi ogni individuo è un caso unico pertanto il plantare dovrà essere esclusivamente su misura e personalizzato.                                                                               

Il nome “Plantare” deriva dalla struttura anatomica dove agisce, cioè la pianta del piede. La costruzione di una ortesi parte prevalentemente dall’esame individuale che diagnosticherà o una precisa patologia o difetto morfo-strutturale del piede. Solo dopo una precisa diagnosi e analisi del piede potremo progettare l’ortesi personalizzata ideale.

Esami di grande aiuto nell’individuare un percorso giusto di progettazione sono: Esame baropodometrico (rilevazione della distribuzione dei carichi pressori plantari), esame obiettivo clinico podologico (morfologia del piede, individuazione alla digitopressione di dolori, range movimento articolare, test muscolari e circolatori), esami strumentali diagnostici (ecografia, radiografia,RMN e TAC). L’anamnesi va curata con particolare attenzione in quanto un plantare cambia  secondo l’età del paziente, l’attività sportiva, lavorativa, in base alle abitudini quotidiane, al tipo di scarpa, ai vari problemi relativi alla pelle come allergie o sudorazioni. Quindi l’ortesi plantare deve essere su misura e realizzata solo dopo una accurata anamnesi ed un esame completo. Il passo successivo ad un esame completo e pre-fabbricazione dell’ortesi, sarà la presa dell’impronta del piede.

La si può prendere con varie metodologie; le più comuni sono con le bende gessate o con la colata in gesso su schiuma fenolica, quindi verrà realizzato un vero e proprio calco del piede su cui poi verrà fabbricato il plantare su misura. Viene utilizzato negli stati algici del piede come per esempio metatarsalgie, neurinomi, capsuliti, talalgie ed in determinate complicanze agli arti inferiori di patologie sistemiche quale diabete (piede diabetico), artrite reumatoide (piede reumatico) ed in altre patologie che colpiscono il sistema vascolare, nervoso e linfatico. Il plantare deve rispondere a più necessità ovvero da un lato correggere o compensare una problematica e dall’altra essere ben tollerata dal paziente risultando perciò leggera e soprattutto capace di migliorare la qualità della nostra vita.

E’ importante l’utilizzo di materiali sottili ma resistenti, come per esempio la resina o il carbonio al fine di ridurre lo spessore all’interno della scarpa. Il vantaggio di avere nell’ortesi una base in resina o carbonio è lo spessore, che varia da 0,3mm a 0,5mm, la lunga durata ed una notevole flessibilità congiunta ad un valido sostegno.

La classificazione del tipo di ortesi plantare può suddividere in:

  • Correttiva
  • Compensativa
  • Sportiva (vedi sezione Sport)

Si intende come correttiva, l’ortesi atta a correggere una determinata morfologia o problematica in età evolutiva. Utilizzando sostegni, cunei o spessori possiamo modificare, migliorare o aiutare il processo evolutivo del piede del bambino quando ancora l’apparato muscolo-tendineo-scheletrico è in grado di rispondere ai vari stimoli esterni. I plantari compensativi tendono a compensare una morfologia strutturale del piede non corretta migliorando diverse patologie croniche e quindi diminuire uno stato di  dolore acuto per poi lavorare con una terapia adeguata al caso. E’ ideale per un piede doloroso in quanto attutisce e distribuisce in maniera più omogenea la pressione sulla pianta del piede.  Verranno utilizzati materiali morbidi di scarico, a seconda del caso molto spesso un soffice e avvolgente sostegno all’arco del piede può dare buoni risultati.

I plantari sportivi saranno ideati in base all’attività sportiva, sia agonistica che non. Verranno impiegati materiali tecnici appositi in modo da ridurre attriti e stress da movimenti ripetuti garantendo migliore perfomance e durata.  In questo caso è necessario uno studio approfondito sia sul gesto atletico dello sportivo in quanto il piede è sottoposto ad uno stress maggiore che alla scarpa utilizzata, spesso non idonea al tipo di piede dell’atleta. 

L’ortesi plantare ha un ruolo importante anche nella prevenzione di diverse patologie. Se ci troviamo di fronte ad un “piede diabetico” è fondamentale evitare con il plantare punti di ipercarico potenzialmente pericolosi per la formazione di ipercheratosi e successivamente ulcerazioni. E’ importante ribadire che per raggiungere un ottimo risultato il plantare dovrà essere personalizzato su misura al piede del paziente e fabbricato solo dopo aver effettuato un completo esame che il caso richiede.

Richiedi una visita

Nel sottoscrivere il seguente modulo consento espressamente che i miei dati personali forniti siano oggetto di trattamento ai sensi del D.mds n° 196/2003